Letteratura,  Politica & Attualità

Recensione del libro “L’ era delle streghe. Cronache dalla guerra del sesso.”

 

Tra il rigurgitante neo-femminismo, l’indebolimento dell’uomo e l’assillante propaganda LGBTQ vi possiamo trovare un libro molto interessante che va in netto contrasto con l’odiosa modernità che vuole a tutti i costi inserire il sesso maschile al secondo piano mettendo – allo stesso tempo – in risalto e al comando di tutto il genere femminile accompagnato dal mondo colorato dei vari movimenti per i diritti degli omosessuali.

Il libro in questione è L’era delle streghe. Cronache dalla guerra del sesso. Scritto dal grandissimo giornalista Francesco Borgonovo e pubblicato dalla nota casa editrice Altaforte.
Lo scrittore ci illustra, tramite dati, statistiche e articoli, come il panorama del cosiddetto “nazi-femminismo” abbia abbandonato le classiche battaglie per i seri diritti delle donne, quali il lavoro, una giusta paga, il voto, il diritto di pensiero, di parola, alla partecipazione alla vita politica per dar voce ad un’altra tipologia di “diritti” che alcune donne di oggi vogliono acquisire; come ad esempio l’aborto, l’annullamento dell’Iva sugli assorbenti, matrimonio omosessuale, utero in affitto, adozioni gay, l’approvazione del Gender, l’abolizione di determinate parole che in lingua italiana hanno solo il genere maschile, poliamore e scelleratezze varie.

Un altro fattore importante che l’autore del libro ci riporta sono i deviati modi di agire del famoso movimento femminista MeToo, un movimento ricco di un vasto numero di celebrità appartenenti a tutto il mondo Occidentale (tra cui anche Asia Argento).
Le attiviste del suddetto movimento – spesso – hanno letteralmente inventato numerose molestie sessuali o verbali mettendo in seri guai legali imprenditori, personaggi famosi e registi di alto calibro. Il tutto solo per poter diventare delle ricche e famose paladine dei “diritti femminili “.

Il libro è scorrevole e facile da leggere, alcuni capitoli sono brevi ma pieni di insegnamenti. La lettura del testo di Borgonovo è altamente consigliata a tutti! Soprattutto a chi vuole approfondire meglio il malato mondo del femminismo odierno e delle diavolerie che esso nasconde.

Di Giovanni Rea.